Everyday Cooking, Ricette

Crostini ricotta e zucca arrosto

Crostini ricotta e zucca arrosto

Ci sono le domeniche del pranzo in famiglia o con gli amici, delle grandi tavolate e la cucina in subbuglio. Altre domeniche sono per la colazione a letto e il pigiama fino a mezzogiorno. Non saprei dire quale ami di più ma, a chi non fa piacere svegliarsi sapendo di non avere impegni? Godersi l’ozio della mattina in casa e poi, quando ti viene fame, aprire il frigorifero e improvvisare un pranzo con quello che c’è senza nemmeno dover apparecchiare la tavola, non è una prospettiva allettante dopo una settimana particolarmente intensa?

Domenica scorsa avevamo in programma di ridipingere la camera da letto ma le cose sono andate in modo un po’ diverso… La mattina si è trasformata infatti in una maratona di Bloodline su Netflix con giusto una pausa per tagliare a fette un pezzo di zucca e lasciarle arrostire in forno con rosmarino e una spolverata di peperoncino, un filo d’olio e sale grosso. Ci sono bastati un vassoio capiente da adagiare sul tavolino e un’insalata verde per trasformare dei crostini con ricotta e zucca arrosto in un pranzo semplice, leggero e appetitoso. Da servire come antipasto sono l’ideale.

Crostini ricotta e zucca arrosto

Cosa serve:

6 fette di pane
200 gr di ricotta fresca
600 gr di zucca
un rametto di rosmarino
peperoncino in polvere
sale grosso
olio d’oliva

Come si preparano:

Eliminate la buccia e tagliate la zucca a fette non troppo sottili. Rivestite una teglia di carta da forno oppure ungetela d’olio e adagiatevi la zucca su un unico strato. Cospargete le fette di rosmarino tritato, peperoncino, sale e olio d’oliva. Infornate a 190° per circa 20 minuti o finché la zucca diventa tenera. Abbrustolite le fette di pane nel forno caldo. Spalmate i crostini con ricotta fresca e aggiungete sopra le fette di zucca e un po’ di rosmarino fresco. Mangiateli così o con qualche goccia di aceto balsamico.

crostini-zucca-ricotta

Share Button
Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply