Beauty & Style, DIY, Fashion + Beauty

Beauty DIY | Una formula base per lo scrub

scrub1

Buon venerdì! Sto contando le ore che mi separano dal weekend… La settimana è stata lunga e il programma per i prossimi due giorni prevede completo relax, la compagnia (immancabile) di un libro da finire, la corsetta del sabato mattina e magari  il cocktail della sera (ying e yang). Ce la farò a fare tutto?! ;)

Intanto per prepararmi a staccare la spina c’è un barattolino del mio scrub fatto in casa, l’unico che utilizzo ormai da qualche anno, ad aspettarmi dentro la doccia. Un rituale di bellezza per tutto il corpo, viso compreso, ma anche un modo per scivolare dolcemente nel fine settimana. Cosa adoro dello scrub fatto in casa? Tutto. Tanto per cominciare, si fa in un attimo: il tempo che ci vuole per mescolare due cose (ma proprio due) con un cucchiaino. Pronto! E’ naturale al cento per cento ed efficace come pochi, tra tutte le miriadi di esfolianti che puoi trovare in commercio, lo sono. Un prodotto totalmente green che fa quello deve… Binomio perfetto, non credi? Il bello deve ancora venire, anzi te lo dico subito: non devi comprare nulla per farlo, a meno che tu non voglia. Entra in cucina, troverai tutto ciò che ti serve.

La formula base che uso per preparare il mio scrub fatto in casa è talmente semplice da sembrare ovvia. Ma forse tanto ovvia non è e, anzi, potrebbe esserti utile. Quindi eccola qui:

La formula base per lo scrub fatto in casa (multiuso)

scrub2

Elemento esfoliante – 1 PARTE: ovvero l’ingrediente solido dello scrub, in forma di granuli. Quelli che servono praticamente a portare via impurità e pelle secca. Zucchero e sale vanno sempre bene. Fantastici i fondi del caffè lasciati asciugare. Si possono usare anche riso o avena ridotti quasi in polvere. Nei momenti di buona volontà creo un mix di due o più tra questi ingredienti. In realtà anche uno solo è più che ok ed è la soluzione per cui solitamente opto!

Elemento liquido – ½ PARTE: anche qui le opzioni abbondano. Olio extravergine d’oliva, di mandorle o di cocco sono scelte semplici ma dai poteri magici. Si possono usare gel d’aloe, succo di limone o di altri agrumi (in combinazione con un olio vegetale) per arricchire lo scrub. Il miele è delicato, perfetto per le pelli sensibili con il suo effetto nutriente. In inverno è un toccasana.

+ Extra a piacere (e totalmente facoltativi): gli unici ingredienti indispensabili sono i due di cui sopra. Quando però voglia di regalarmi una coccola in più, mi piace elevare la formula base con profumi e proprietà benefiche purché naturali. Si possono aggiungere agrumi (dalla scorza al succo fino alla polpa frullata), spezie come la cannella o la vaniglia, erbe dall’effetto energizzante come la menta o lenitivo come camomilla. Ho una vera passione per il tè verde, Poche gocce di olio essenziale creano un effetto spa senza uscire da casa e a costo praticamente zero.

In pratica con questa formula base, se lo si vuole, si possono creare infinite varianti. Credi ancora sia meglio comprarlo? Lo scrub naturale rientra già nella tua beauty routine. Se si, hai una ricetta diversa per farlo in casa?

scrub3

Cose da sapere (se non lo sai già):

Per parti delicate come il viso o se hai la pelle particolarmente sensibile scagli ingredienti più fini per il tuo scrub come lo zucchero bianco e il caffè in polvere (evita il contorno occhi). Se vuoi usare il sale grosso, tritalo con un mixer. Io faccio così: frullo il sale grosso con gli altri ingredienti dello scrub e poi ne aggiungo di nuovo una piccola quantità alla fine per un effetto esfoliante più intenso.

Prodotti fatti in casa come questo scrub non hanno conservanti. Puoi aggiungere della vitamina E ma il senso di questa formula è che puoi preparartene la quantità che ti serve quando ti serve e comunque non saprei darti indicazioni sul tempo di scadenza. Quando me ne avanza un po’ lo uso entro un paio di giorni. Ad ogni modo, per conservarlo è sempre importante non fare entrare lo scrub in contatto con l’acqua che potrebbe introdurre batteri.

 

Share Button
Previous Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply